Il progetto Volunteering Academy, che coinvolge 26 associazioni di volontariato è volto a promuovere lo svolgimento di attività di volontariato tra gli studenti universitari per favorire lo sviluppo di competenze trasversali attraverso la partecipazione ad attività alternative a quelle tradizionalmente «business oriented», e a consolidare un sistema di relazioni comunitarie in una prospettiva di cittadinanza attiva.
La realizzazione del progetto sarà fondamentale per intessere relazioni territoriali importanti e per sensibilizzare i giovani sulle tematiche del volontariato e stimolare la loro partecipazione in maniera consapevole e duratura alle attività promosse e portate avanti dalle organizzazioni.

In una società improntata ai valori dell’inclusione sociale e della solidarietà, il Volontariato assume una fondamentale valenza formativa, sia per lo sviluppo di competenze trasversali (c.d. “Soft Skills”) che per la crescita di una solida coscienza civile nelle giovani generazioni. Allo stesso tempo, è di tutta evidenza il significativo valore aggiunto che i giovani, e nella specie la popolazione studentesca, sono in grado di portare al volontariato, in termini di competenze, entusiasmo ed energie.

Sulla base di questa duplice premessa, è nata la collaborazione tra Università, Fondazione MPS, Consulta del Volontariato e CeSVoT, per lo sviluppo di un progetto finalizzato a Promuovere lo svolgimento di attività di volontariato da parte degli studenti universitari: il Progetto Volunteering Academy.

La struttura del Progetto è molto semplice: L’Università, sulla base di un Protocollo d’Intesa siglato con gli altri Partner, riconosce le attività di volontariato ai fini dell’attribuzione di Crediti Formativi Universitari, secondo quanto previsto dal Regolamento didattico di Ateneo. Per ottenere il riconoscimento dei CFU, le attività di volontariato devono essere svolte presso Organizzazioni di Volontariato (ODV) che hanno aderito al Progetto, e dovranno rispettare alcune semplici regole d’ingaggio:

  • svolgimento di almeno 100 ore di attività durante l’anno solare – compresa la formazione – per l’attribuzione di 3 CFU;
  • stipula di una convenzione tra lo studente e l’ODV ospitante, previo colloquio di orientamento;
  • valutazione finale positiva.

Il complessivo percorso dello studente sarà accompagnato da un Tutor universitario e da un Tutor messo a disposizione dalla ODV ospitante, che si occuperanno anche del monitoraggio e della valutazione intermedia e finale delle attività svolte.

Il partenariato a supporto del Progetto potrà infine supportare la promozione e lo sviluppo di ulteriori iniziative tese a favorire l’incontro tra le giovani generazioni e il volontariato, nell’ambito di un articolato sistema di relazioni territoriali.